SHARE

Pisa– Il team velico di Roberto Lacorte, FlyingNikka, non conosce pause. In parallelo con l’attività agonistica a bordo dei Persico 69F, Roberto Lacorte e il Design Team guidato dall’irlandese Mark Mills dello Studio Mills Design, con il supporto dello stesso team velico e il coordinamento del Project Manager Micky Costa, sono impegnati nella fase finale della progettazione del nuovo, super avveniristico Mini Maxi a foil FlyingNikka, un 19 metri dotato di appendici di ultima generazione per navigare in full foiling a più di 40 nodi di velocità.

Una barca unica nel suo genere, primo esemplare di una nuova generazione di monoscafi a foil per andare alla conquista delle grandi classiche della vela offshore, che sarà costruito presso il cantiere King Marine di Valencia, realtà rinomata a livello internazionale e specializzata nella costruzione hi-tech di barche da regata. Il sistema dei foil, l’idraulica e la meccatronica verranno invece realizzati da aziende italiane, che saranno presto ufficializzate.

“Siamo convinti della nostra scelta e d’altronde stiamo parlando di un cantiere al top a livello mondiale, una garanzia in un progetto complesso come quello di FlyingNikka”, aggiunge Alessio Razeto, Team Manager e Responsabile del Progetto Vele per North Sails, “La strada fino al varo è ancora lunga, contiamo di andare in acqua per l’estate del 2022 e sappiamo che nel frattempo avremo tante variabili da affrontare, ma siamo ben coscienti della complessità di questo progetto, quindi siamo pronti per affrontarle al meglio”.

Per quanto riguarda l’attività sui Persico 69F, un campionato che l’anno scorso, alla sua prima storica edizione, si è concluso con la vittoria assoluta di FlyingNikka 69F numero 47 – a bordo il timoniere Roberto Lacorte, con Enrico Zennaro e Lorenzo Bressani – e con il secondo posto di FlyingNikka 69F numero 74, portata da Alessio Razeto con al fianco Andrea Fornaro e Lorenzo De Felice. E che quest’anno, sarà affrontato dal team con la stessa, identica line up, e con l’obiettvo di ripetere le prestazioni (e possibilmente i risultati) del 2020.

“Un traguardo ambizioso e allo stesso tempo difficile da raggiungere, se consideriamo che il livello degli equipaggi coinvolti nel circuito, già molto alto l’anno scorso, è cresciuto ulteriormente”, spiega Roberto Lacorte, “A noi comunque piacciono le sfide complicate, sono ancora più stimolanti. Il nostro impegno sarà quindi maggiore e in questi mesi ci siamo allenati duramente per arrivare all’inizio del campionato al massimo della forma, anche perché i Persico 69F sono barche che richiedono un grande sforzo fisico e una concentrazione fuori dal comune. In ogni caso, sappiamo bene che ripetersi è sempre difficile, soprattutto quando gli altri raddoppiano i loro sforzi…”.

In regata per lo Yacht Club Repubblica Marinara di Pisa e con il supporto della casa farmaceutica PharmaNutra con il suo brand Cetilar® il team FlyingNikka sarà impegnato con le due barche (la blu numero 47 e la verde numero 74) in tutte le tappe del circuito, un campionato che dopo Malcesine farà scalo a Porto Cervo (12-17 luglio), nuovamente sul Garda, a Torbole (metà settembre), e infine a Puntaldia, in Sardegna (primi di ottobre).

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here