SHARE

Powered by:

Livorno– Riparte dalla 151 Miglia Trofeo Cetilar la sfida tutta italiana del maxi 100 ARCA SGR condotto da Furio Benussi con il Fast and Furio Sailing Team.

Il maxi, con i guidoni dello Yacht Club Adriaco, dello Yacht Club de Monaco e il forte messaggio di One Ocean Foundation, riparte in “trasferta” nel Tirreno proprio con la 151 Miglia, che parte domenica 30 maggio da Livorno. Il programma agonistico proseguirà poi dodici tra le più importanti regate del calendario 2021 suddiviso tra il Tirreno e l’Adriatico.

La rinnovata partnership nel 2021 tra il brand Arca Fondi SGR e il plurititolato Fast and Furio Sailing Team ha già avuto un prologo vincente lo scorso 16 maggio a Ravenna in occasione del primo Challenge dedicato al 30° Anniversario del Moro di Venezia (vincitore nel 1991 a San Diego del Campionato del Mondo IACC) ma che entrerà nel vivo in occasione dell’attesa 151 Miglia (regata già vinta dal Team nel 2018). ARCA SGR punta a conquistare la line honour di questo evento affermatosi in pochi anni come uno dei più importanti del Mediterraneo e, meteo permettendo, a riscrivere il record della regata (fissato dall’americano Rambler nel 2019 in 13 ore, 50 minuti e 58 secondi).

L’appuntamento successivo sarà due settimane dopo con l’iconica Rolex Giraglia, un Trofeo ambito da qualsiasi velista (già conquistato da Furio Benussi nel 2001 e nel 2004). La regata che quest’anno partirà da Sanremo, per arrivare a Genova dopo il passaggio allo scoglio della Giraglia, avrà quale prologo la regata costiera tra Genova e Sanremo (13 giugno).
A fine agosto il Team tornerà in regata in occasione della sfida offshore Palermo – Montecarlo (il Team vinse su questo percorso nel 2007 e nel 2008), irrinunciabile regata per tutto il mondo Maxi, prima di raggiungere Portocervo per la lunga settimana della Maxi Yacht Rolex Cup (vinta nel 2001 e nel 2008), una regata che da sola vale una stagione.

ARCA SGR farà quindi rotta in Adriatico dove, nell’arco di un mese tra Trieste e Venezia, si disputeranno sette regate in sequenza in cui il Fast and Furio Sailing Team proverà a riconfermare il filotto record di vittorie e imbattibilità (segnato nel 2018 con 5 successi su 5). Venerdì 29 settembre ARCA SGR sarà al via della regata di casa (Yacht Club Adriaco), la 60° edizione della Trieste – San Giovanni – Trieste la più antica regata offshore dell’Adriatico, di cui il Fast and Furio Sailing Team detiene il titolo (oltre ai successi nel 2001 e 2019), nonché il record. Questa sfida sarà anche l’evento di apertura del nuovo circuito Maxi Yacht Adriatic Series (MYAS) fortemente voluto dallo Yacht Club Adriaco insieme agli altri due Club ultracentenari dell’Adriatico (la Società Nautica Pietas Julia e la Compagnia della Vela Venezia) e disputato con formula IRC.

Nel primo lungo fine settimana di ottobre ARCA SGR regaterà alla Portopiccolo Maxi Race (vittorie nel 2015, 2017, 2018 e 2020) e, successivamente, nel 50° Trofeo Bernetti (valido anche quale seconda tappa MYAS) nel cui albo d’oro il Team compare cinque volte (1999, 2015, 2017, 2018, 2020). La seconda domenica di ottobre è sinonimo di Barcolana, il cui Trofeo è già stato per quattro volte nelle mani degli uomini del Fast and Furio Sailing Team (2005, 2016, 2017, 2018) e dove ARCA SGR si presenta sulla linea di partenza con una sola missione.

Giovedì 14 ottobre ARCA SGR tornerà a misurarsi in una prova offshore, difendendo il titolo IRC e la line honour conquistate lo scorso anno nella prima edizione della Trieste Venezia – Two Cities One Sea (valido anche quale terza tappa MYAS). La regata sarà quindi il prologo del fine settimana agonistico a Venezia dove sabato 16 ottobre si disputerà il “grand prix” della Venice Hospitality Challenge (regata vinta nel 2015, 2017, 2018) in cui ARCA SGR sarà abbinata come sempre al Ca’ Sagredo Hotel, prima dell’ultimo impegno di stagione con la Veleziana (Trofeo conquistato nel 2015), evento che vale doppio in quanto atto finale e decisivo per la classifica del circuito Maxi Yacht Adriatic Series.

IL TEAM

Il Fast and Furio Sailing Team ha sempre perseguito un solo obiettivo nella composizione del proprio equipaggio: accogliere giovani velisti italiani dalle grandi potenzialità affiancandoli ad atleti di esperienza in un percorso di crescita comune sotto il profilo agonistico. Ne è un esempio il gradito ritorno a bordo di Nicholas Brezzi, ex canoista azzurro che ha vissuto la propria trasformazione in velista vivendo le prime esperienze con i ragazzi di Furio Benussi e che, grazie al proprio talento, è riuscito a essere tra i titolari inamovibili a bordo di Luna Rossa nell’ultima sfida di Coppa America.
L’amicizia è da sempre uno dei fattori fondamentali nei successi del Team e l’elemento che per tutti rappresenta il vero “turbo” a bordo del maxi 100 ARCA SGR.  Ad affiancare Furio Benussi nel ruolo di tattico ci sarà Lorenzo “Rufo” Bressani, cosi come a bordo non mancherà, anche in questa stagione, l’esperienza di Stefano Spangaro. Una novità a completare l’afterguard di ARCA SGR è rappresentata dal nome di Vittorio Bissaro, olimpico a Rio 2016 e Campione del Mondo Nacra 17.

UN MESSAGGIO NON SOLO PER IL MARE

Il Fast and Furio Sailing Team è fortemente convinto di come una sfida alla ricerca del successo oggi non possa più essere tale esclusivamente sotto il profilo agonistico, ma debba contenere in sé concreti obiettivi rivolti al sociale, attraverso azioni che possono assumere molteplici forme.

Furio Benussi e il Fast and Furio Sailing Team sono dalla prima ora promotori di One Ocean Foundation e della Charta Smeralda, i cui valori sono stati trasmessi dal team in varie occasioni dal 2018, rivolgendosi in particolare alle nuove generazioni e ai bambini. Un target non casuale perché tutti i membri del team hanno un legame profondo con il mare e la vela, attraverso una passione personale iniziata al timone di un optimist e da lì mai più spentasi.
Tutta l’attività del maxi 100 ARCA SGR, sia in regata sia al di fuori delle competizioni, sarà improntata alla salvaguardia del pianeta blu. Tutti i materiali (a cominciare dagli allestimenti dell’odierna conferenza stampa per proseguire poi con quelli dell’hospitality del Team) sono prodotti esclusivamente in materiali riciclati e certificati “PVC free” così come tutto il materiale plastico che il team utilizzerà durante la stagione verrà riciclato. Nulla sarà lasciato al caso e il rispetto del codice etico della Charta Smeralda sarà garantito da due “Reco” (responsabili ecologici per tutto ciò che concerne la vita del team sia in mare, sia in banchina). Acqua Mood fornirà il proprio supporto nel pieno rispetto delle regole attraverso una nuova bottiglia 100% riciclata e riciclabile.
Il Team anche nella stagione 2021 vestirà i capi tecnici di Slam tra i quali una giacca termica realizzata con un filato di derivazione vegetale che utilizza i gusci dei chicchi di caffè.

Oltre a ricoprire il ruolo di “Ocean Defenders” il Fast and Furio Sailing Team si è impegnato a comunicare con forza, nei fatti, anche ulteriori messaggi dedicati in particolare ai più piccoli.  Nel 2021 il team sarà infatti nuovamente impegnato al fianco dell’Associazione “Io Do Una Mano” fortemente sostenuta dal partner Acqua Mood con lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sulle molteplici possibilità di riutilizzo della plastica; perché oltre a salvaguardare l’ambiente un corretto uso della plastica può servire a raggiungere obiettivi tangibili come quelli a cui lavora l’Associazione “Io Do Una Mano”, che riesce a trasformare con le attuali tecnologie 3D la plastica riciclata in arti artificiali per bambini che, per patologie o infortuni, necessitano di tali protesi. Una soluzione fondamentale per garantire la migliore qualità di vita a questi bambini e alle loro famiglie, in particolare nelle fasi di crescita ed evoluzione fisica dei bambini che richiedono continui aggiornamenti e risposte in tempi immediati.
Il Fast and Furio Sailing Team sarà poi vicino ai bambini anche attraverso il progetto “Sailing for Children” firmato da “Il Porto dei Piccoli” insieme all’Ospedale Infantile Gaslini di Genova: in occasione della presenza del Team a Genova per la Rolex Giraglia l’equipaggio del Fast and Furio Sailing Team organizzerà delle sessioni di allenamento molto speciali in cui avrà il piacere di avere a bordo piccoli velisti che, più di chiunque altro, conoscono e vivono quotidianamente con coraggio il senso della parola “sfida”.
Prosegue inoltre anche nel 2021 l’attività di Furio Benussi come ambassador dellla Fondazione Laureus.

La stagione di regate 2021 del maxi 100 ARCA SGR è resa possibile grazie alla sinergia con Amagis Capital, Pacorini, CiviBank, Foss Marai, Ca’ Sagredo Hotel, Dobner, RH+, Armare Ropes, Slam, Marlin Yacht Paints, Acqua Mood.

Furio Benussi, timoniere ARCA SGR e team leader del Fast and Furio Sailing Team – “Sono davvero emozionato, come mai mi era successo alla vigilia di una stagione di regate, pensando al grandissimo programma che ci aspetta tanto in mare, quanto a terra. Un programma a cui io e tutto il team teniamo tantissimo e porteremo avanti con un’energia che non abbiamo mai avuto in questi termini in passato. Si tratta di una sfida articolata, intensa e per la quale non abbiamo mai smesso di lavorare, giorno per giorno, anche quando siamo stati lontani dal campo di regata; in tal senso devo ringraziare di cuore tutti i miei ragazzi, in particolare coloro che non sono mai sotto i riflettori e che hanno reso possibile tutto ciò. La mia felicità nasce anche pensando alla straordinaria sinergia che si è instaurata al fianco e a fondamento di questo progetto sportivo ed extrasportivo, tra tutti i partner del team che hanno creduto e continuano a spingerci verso traguardi sempre più belli ed ambiziosi con una passione rara. Tra qualche ora saremo a Livorno per la nostra prima regata 2021 in Tirreno, con uno scafo che ha un’anima nuova perché, pur se esternamente non vedete particolari modifiche estetiche, il cuore e l’anima di ARCA SGR sono stati profondamenti rinnovati alla ricerca di ulteriori margini di miglioramento nella performance in ogni condizione. Non vediamo l’ora quindi di misurarci con i migliori avversari in ognuna delle sfide che ci attendono in questa mai così attesa stagione di regate”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here