SHARE

Porto Cervo– Prima giornata di regate al Grand Prix 2.1 del circuito Persico 69F Cup, l’evento è organizzato dallo Yacht Club Costa Smeralda insieme al Team 69F e si concluderà il 10 luglio. Al comando della classifica provvisoria si trova il team svizzero Okalys Youth Project seguito dai team italiani FlyingNikka 47 e FlyingNikka 74.


Questa mattina alle ore 9 in punto i team partecipanti all’evento si sono ritrovati in Piazza Azzurra per il briefing mattutino e subito dopo sono usciti in mare. La giornata è stata caratterizzata da vento instabile, la prima regata si è svolta a fine mattinata intorno alle 12.30 con vento leggero di circa 7-9 nodi da nord-est. La seconda prova è partita invece nel primo pomeriggio con il vento che ha ruotato a nord-ovest portando il Maestrale tipico della Costa Smeralda di intensità di 14-16 nodi. Il vento ha continuato a intensificarsi toccando punte di 20 nodi, determinando quindi la conclusione delle regate per la giornata odierna.

Ottima partenza nella prima prova per il team di FlyingNikka 47 di Roberto Lacorte, che conclude primo sul traguardo lasciandosi alle spalle i due team svizzeri Okalys Youth Project e Sailing Performance. Nella seconda regata di giornata parte con la marcia giusta Young Azzurra che conduce fino al secondo lato di traverso in cui, nel tentativo di estendere il vantaggio, porta la barca al limite e scuffia. Il team padrone di casa ha provato a recuperare ma alla fine ha chiuso sesto.

A conquistare la vittoria nella seconda prova troviamo il team FlyingNikka 74 con a bordo Alessio Razeto, Andrea Fornaro e Lorenzo De Felice. Doppiano il risultato della prima regata i team svizzeri, che concludono sul traguardo nello stesso ordine, prima Okalys Youth Project al secondo posto seguito da Sailing Performance, terzo. Grazie alla costanza nella performance, Okalys Youth Project è in testa alla classifica provvisoria seguito da FlyingNikka 47 e FlyingNikka 74, entrambi a pari punti con una vittoria e un quinto posto nei parziali di oggi.

Roberto Lacorte, armatore di FlyingNikka 47: “Abbiamo affrontato due regate con condizioni meteo completamente differenti. Nella prima abbiamo volato bene anche con vento medio-leggero, poi è entrato subito il Maestrale senza alcuna gradualità. L’onda insieme al vento forte ci hanno messo un po’ in difficoltà, abbiamo pagato il fatto di esserci allenati poco in mare rispetto alle sessioni di allenamento fatte sul lago.”

Ettore Botticini, skipper di Young Azzurra: “Nella mattinata c’è stato meno vento di quello che ci aspettavamo, abbiamo adottato così la conformazione che vede Erica Ratti e Francesca Bergamo insieme a bordo. Nella seconda prova abbiamo condotto bene la regata fino alla fine dell’ultimo reaching, purtroppo quando abbiamo toccato i trenta nodi di velocità ci siamo ingavonati e fermati. Speriamo di poter recuperare, sicuramente c’è potenziale.”

Le regate riprendono domani, 9 luglio, le previsioni anticipano vento di Maestrale tra i 18 e i 20 nodi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here