SHARE

Genova– Finalmente un team italiano tornerà alla The Ocean Race, il giro del mondo in equipaggio erede della Whitbread e della Volvo Ocean Race. Lo ha svelato al Salone Nautico il Ministro del Turismo Massimo Garavaglia. Lo scafo con i colori dello Yacht Club Italiano sarà testimone e veicolo dei valori del Made in Italy in quella che è considerata la più dura e impegnativa regata del mondo. Italia Sailing Team il suo nome e Riccardo Simoneschi il CEO.


Il Governo sostiene la vela e lo fa a Genova, capitale della vela tricolore, nei giorni del Salone Nautico Internazionale. E lo fa dalla casa della vela, il più antico Club d’Italia, per lanciare la sfida alla The Ocean Race, regata che fa il giro del mondo a tappe che partirà da Alicante nell’ottobre del 2022 e arriverà a Genova, per il Grand Finale, nel giugno del 2023.

La sfida, che porterà i colori dello Yacht Club Italiano, è stata presentata ieri sera nella storica sede dello Yacht Club Italiano dal Ministro del Turismo Massimo Garavaglia, dal Presidente di Regione Liguria Giovanni Toti, dal Sindaco di Genova Marco Bucci e dal Presidente dello Yacht Club Italiano Gerolamo Bianchi, alla presenza di Richard Brisius, CEO e Presidente di The Ocean Race.

“Siamo a Genova, nel regno della vela e la notizia è che sosteniamo questa inziativa. Abbiamo una grande opportunità – dichiara il Ministro Garavaglia – il Paese sta ripartendo e sta avendo una crescita del 6%. Questa dunque è una grande sfida, abbiamo il vento in poppa e dobbiamo cogliere questa opportunità per continuare a correre.Il Governo sostiene ufficialmente questa iniziativa assieme alla Regione Liguria, al Comune, osservati da vicino da altre regioni interessate.Noi ci crediamo e, ne siamo convinti, la Ocean Race rappresenta una grande vetrina e opportunità per il nostro paese”.

“Sono contento di essere qua perché si legano due luoghi e due momenti così importanti per la nostra regione: il Salone Nautico e lo Yacht Club Italiano – ha sottolineato il Presidente Toti – questo è un grande momento che va oltre lo sport, che dà grande fiducia al nostro territorio, da dove è nata e si è sviluppata un’idea così ambiziosa. Ma non voglio togliere spazio alla notizia per cui siete stati convocati, vorrei solo sottolineare la straordinaria settimana che abbiamo avuto grazie ai numeri del Salone, la prima di molte altre settimane di grande interesse per la nostra regione”.

“Due anni fa, a settembre, – sottolinea il Sindaco di Genova Marco Bucci – ci siamo messi d’accordo con Richard Brisius per far sì che Genova e l’Italia diventassero protagonisti di una regata, che è l’Everest della vela. È una delle più difficili da fare, da organizzare e dove, più che la tecnologia, è fondamentale il fattore umano. Allora è cominciato un percorso, che aveva bisogno di gente che si tirasse su le maniche per raggiungere l’ambizioso obiettivo: oggi ringrazio il Ministro per quanto ufficializzato.Il nostro sogno era quello di vedere una barca italiana alla fine della regata e magari in testa, oggi è stato fatto un primo e importante passo in quella direzione”.

L’Italia Sailing Team sarà guidato dal CEO Riccardo Simoneschi e parteciperà nella classe IMOCA. Una presentazione completa del team è prevista nelle prossime settimane.

“The Ocean Race è una grande opportunità e e una sfida”, ha detto Simoneschi. “Per il nostro team e per lo Yacht Club Italiano partecipare a questa regata significa essere parte della storia”.

“Annunceremo il team e altre informazioni importanti nelle prossime settimane, ma abbiamo voluto approfittare di questa occasione, di avere il Ministro Garavaglia a Genova e al nostro circolo questa sera, insieme a tutti gli altri relatori, per confermare il nostro team”.

L’Italia Sailing Team sarà la prima partecipazione italiana alla The Ocean Race in più di 20 anni

A concludere la conferenza stampa il Presidente dello Yacht Club Italiano Gerolamo Bianchi che ha ringraziato i presenti e ha rimandato la platea alla fine di ottobre per ulteriori dettagli.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here