SHARE

Varna– È in corso a Varna, in Bulgaria, l’Europeo assoluto delle classi olimpiche ILCA 7 maschile e ILCA 6 femminile. Ottimo inizio di Chiara Benini Floriani (FV Riva), quarta dopo 4 prove.

Dal sito FiIV:

Negli ILCA 6 al comando sempre la norvegese Host 7 (3-3-1-(BFD)) seguita dalla greca Karachaliou 12 ((14)-1-3-8) e dalla britannica Collingridge 22 (7-(22)-14-1). Quarto posto e prima italiana per un’ottima Chiara Benini Floriani 22 (2-6-(52)-16); 7° posto per un’altrettanto concreta Federica Cattarozzi 30 (10-9-(31)-11), 26° Carolina Albano 68 (37-14-(38)-17), 46° Giorgia Della Valle 104 (49-23-(54)-32), 51° Francesca Frazza 131 ((58)-47-32-52, 57° Matilda Talluri 148 (29-40-(79DNC)-79DNC), 74° Giorgia Deuringer 208 (65-(74)-73-70).

ILCA7: La lunga giornata in acqua concede un’unica prova alle due flotte che affronteranno domani le tre restanti per concludere la fase di qualificazione. Al comando rimangono i due atleti che già ieri occupavano le prime posizioni ma adesso si ritrovano a pari punti: 1° il britannico Beckett 6 (1-1-4), 2° il cipriota Kontides 6 (2-3-1); distanziato al terzo posto nella classifica europea l’irlandese Lynch 19 (6-10-3).

Gli italiani in gara (sempre nella classifica europea): 12° Giovanni Coccoluto 34 (17-11-6), 21° Dimitri Peroni 53 (11-27-15), 27° Alessio Spadoni 61 (33-19-9), 30° Nicolò Villa 65 (19-19-27), 34° Matteo Paulon 72 (32-15-25), 38° Gianmarco Planchestainer 75 (14-22-39), 50° Cesare Barabino 90 (31-40-19), 62° Giacomo Musone 108 (42-35-31), 69° Filippo Guerra 114 (39-33-42),

Lo staff tecnico Federale vede la presenza in Bulgaria dei tecnici Egon Vigna e Giorgio Poggi.

“Oggi con i ragazzi abbiamo svolto una sola prova – puntualizza Giorgio Poggi – dopo aver passato anche noi sei ore in acqua. Penso che ci sarebbero state le condizioni per svolgere regolarmente le due prove in programma ma ci sono stati problemi a posizionare correttamente il campo che hanno generato un sacco di richiami generali da parte del Comitato. Le condizioni permangono non facili con vento oscillante. È ancora prematuro fare un bilancio su queste poche prove disputate, siamo ancora alle qualifiche. Poi con le finali cambierà certamente il passo della flotta unica e potremo capire il reale valore dei nostri ragazzi.”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here