SHARE

Riceviamo da Luca Davoli, armatore del Bavaria 57C JK Sail, la prima puntata del diario di bordo all’ARC 2021, partita ieri da Las Palmas de Gran Canaria.

JK Sail poco prima della partenza dell’ARC

“Domenica 21/11/2021 ore 12:45, una data che resterà impressa per sempre nella memoria dell’equipaggio di JK.

Siamo partiti con poco vento e una barca, attrezzata di tutto punto per proseguire, una volta arrivati ai Caraibi, per il giro del mondo.

JK, che non ha mai gradito i venti leggeri, sta conseguentemente soffrendo ancora più del dovuto.

Dopo la partenza ci siamo tenuti sotto costa nella speranza di trovare un pò di termica… ma poco vento anche li…

Delle quasi 150 barche partite solo in 18 siamo in classe Race (con il conseguente divieto di utilizzare il motore). Le restanti, in classe Cruising, ci stanno quasi tutte sfilando a secco di vele per correre a motore ad agganciare gli alisei.

La rotta: la grande scommessa.

Le condizioni meteo delle ore 00:00 mostrano due depressioni a nord della rotta ideale (254 gradi) invitanti come le sirene di Ulisse.

Il richiamo è forte… come è forte il rischio di rimanere, dopo il 28/11, imprigionati in una più che probabile bolla di bonaccia estesa centinaia di miglia.

La rotta verso sud, seppur meno affascinante e “maschia”, ci appare la scelta migliore: affrontare, come stiamo affrontando, una fase di vento molto molto leggero, per poi agganciare da domani notte gli alisei.

Aggianciati i venti portanti confidiamo che JK ed il suo equipaggio, animali ora in gabbia, possano rilasciare tutta l’energia accumulata facendoci correre verso Saint Lucia.

Nota di colore: questa mattina abbiamo avvistato un cetaceo della famiglia degli Izzacits.

L’emozione è stata tanta, quasi un premio per una nottata a buttare sangue con 2 nodi di vento”. 1-continua

Jksail.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here