SHARE
L'equipaggio di Bel Ami. A destra l'armatore Gino Neglia. Foto Delfina Vicente Santiago

Rodney BayRiceviamo e pubblichiamo l’ultima puntata del diario di bordo di Luca Davoli, armatore del Bavaria 57C JK Sail, che ha concluso la sua ARC a Saint Lucia.

Luca Davoli al timone di JK Sail

“Ore 13:00 fuso Santa Lucia 15/12/2021.

Io e Cristiana lasciamo Rodney Bay Marina.

Lasciamo JK, ma soprattutto lasciamo 4 ragazzi splendidi con cui abbiamo condiviso momenti indimenticabili.

A loro dedico quest’ultima pagina del diario di bordo Crossing Atlantic 2021.

Simone Stolfo “Simo” segretario di Cilento a vela.
A bordo è stato timoniere e prodiere. Sempre in sicurezza e con determinazione ha gestito senza una sbavatura issate e ammainate di Gennaker. Segni particolari: cucciolo,  il più piccolo a bordo. Animo gentile quando ci siamo salutati ed abbracciati avevamo entrambe gli occhi umidi.

Luca Cafasso “King” Cilento a vela.
Fino a 10 mesi fà non conosceva la differenza fra prua e poppa. In brevissimo tempo è stato capace di crescere (velisticamente parlando) fino ad arrivare ad una attraversata atlantica. A bordo ha lavorato in team con Simone come prodiere e tailer in assistenza al timoniere di turno. Mai un errore concentrazione sempre al massimo. Segni particolari: sorriso e buon umore. Luca è quella persona che vorresti sempre trovare tutte le mattine dietro alla macchina da caffè del tuo bar preferito. Ma statene certi il Caf farà tutt’altro ed avrà un grande futuro in mezzo al mare.

Lorenzo Castaldo “Bomber”
Timoniere sicuro ed esperto. Ha dominato JK e l’oceano nei momenti più difficili. Statisticamente è quello che si è gestito il maggior numero di temporali. Mi piace credere che Poseidone si sia divertito lasciandogli sfide sempre più difficili. Segni particolari: bellissimo. Il tipico skipper che ogni armatrice desidererebbe a bordo. Dietro il suo sorriso italico splende tutto il sole del golfo di Napoli.

Michele DeGiovanni “Michelino” direttore sportivo Cilento a vela.
Un gigante a bordo di JK una sicurezza per tutto il team.
Timoniere, prodiere, manutentore, mio consigliere personale.
Praticamente sempre operativo. Ad ogni minimo rumore pronto in coperta ad aiutare i compagni in ogni manovra. Segni particolari: Angelo Custode. Michele è la persona che ogni marinaio vorrebbe a bordo per affrontare una tempesta. E noi in questa attraversata di tempeste ne abbiamo affrontate per 7 gg.

Questi 4 ragazzi, i miei eroi, hanno reso indimenticabile questa avventura.

Insieme a questi ragazzi costituiamo “Napoli in coperta: teatro d’improvvisazione a cielo aperto.” e con la benedizione di Poseidone a bordo di JK affronteremo gli altri 2 oceani: Pacifico ed Indiano.

La storia continua… il giro del mondo di JK è appena iniziato”.
Luca Davoli (8-fine)

ARC, la vela italiana brilla nei risultati finali
Conclusi gli arrivi dell’ARC 2021, sono state pubblicate le classifiche finali in handicap.
Oltre alla vittoria overall, con line honour e primo in handicap Racing di 12Nacira, l’Italia vince anche nelle classi Cruising Overall e Cruising D, con Mizar III di Francesco Da Rios, e Cruising E, con Bel Ami. Terzo posto di Minimole tra i multiscafi. Complimenti.

Racing IRC overall
1.12Nacira, Vismara 69, Dosso/Paternò di San Giuliano (ITA)
11.JK Sail, Bavaria 57C, Davoli (ITA)

Classe Multiscafi A
1.Guyader Saveol, Marsaudon TS5 (FRA)
3.Minimole, Neel 47, Fumagalli (ITA)

Cruising Overall
1.Mizar III, Sun Odissey 52.2, Da Rios (ITA)

Cruising A
1.Carmma, Amel 60
8.Yoru, Vismara 62, Sala (ITA)
12.Drifter Cube, Swan 98, Viazioli/Bianchi (ITA)

Cruising B
1.Gian, Sun Odissey 54DS

Cruising C
1.Another Brick, First 44.7

Cruising D
1.Mizar III, Sun Odissey 52.2, Da Rios (ITA)

Class E
1.Bel Ami, Najad 37, Neglia (ITA)

L’equipaggio di Bel Ami. A destra l’armatore Gino Neglia. Foto Delfina Vicente Santiago

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here