SHARE

Valencia– Mentre sono già iniziati a Valencia i Winter Camp, la classe Pesico 69F fa un bilancio positivo della stagione 2021.
A partire da febbraio sono stati svolti oltre 100 giorni di regata suddivisi in due circuiti di alto livello, uno dedicato agli Under 25 – Youth Foiling Gold Cup  – , uno per gli appassionati della vela foiling – la 69F Cup – e il finale di stagione in Sicilia per la 69F PRO CUP a Palermo, l’evento riservato ai grandi nomi della vela internazionale.

Inoltre, le attività della 69F Academy hanno riscosso grande successo, con eventi finalizzati a diffondere la vela foiling tra armatori, professionisti e sportivi. Si tratta di sessioni di allenamento insieme a velisti qualificati che hanno avvicinato tanti appassionati di vela, e non solo, al mondo 69F, e hanno dato a molti la possibilità di poter provare l’entusiasmante esperienza  di volare sui foil.
L’impegno di 69F nella diffusione della vela foiling non si ferma solo all’ambito delle regate, ma continua con attività di promozione con il 69F Valencia Winter Camp, da dicembre 2021 fino a marzo 2022. Si tratta di Clinic e programmi di allenamento mirati, guidati da coach professionisti di grandissima esperienza.

Tanti i campioni che hanno regatato in questi mesi sulle barche di 69F, dagli ori olimpici di Tokyo Ruggero Tita, Dylan Fletcher e Stuart Bithell, ai velisti di America’s Cup e SailGP come Francesco Bruni, Pierluigi De Felice e Phil Robertson. Tutti si sono dimostrati entusiasti delle prestazioni e delle velocità che riescono a raggiungere queste barche e soddisfatti dal format che consente regate divertenti e adrenaliniche, ma al tempo stesso molto tecniche, tanto da ritenere questa un’ottima piattaforma di allenamento, propedeutica alle regate di America’s Cup e SailGP.

Riconoscimenti così positivi da parte della comunità velica, non fanno che rafforzare il lavoro di 69F, e il particolare interesse che è stato rivolto alla new foiling generation. La Youth Foiling Gold Cup ha prescritto delle regole molto rigide sull’equità di genere, imponendo all’interno dell’equipaggio, formato da tre velisti, una ragazza. A vincere il circuito sono stati gli olandesi di Team DutchSail – Janssen de Jong che con la vittoria hanno conquistato una wild card per partecipare all’evento finale dedicato ai professionisti, la 69F PRO CUP. Ancora una dimostrazione dell’interesse del progetto 69F a far crescere i giovani velisti.

Con queste premesse il 2022 si apre con programmi ancora più ambiziosi. Oltre ai circuiti europei della Youth Foiling Gold Cup e della 69F Cup, dove verrà riproposta la formula vincente del Six-Pack – ready to race, 69F organizzerà regate anche nel continente americano, sia Grand Prix sia Under25.
Si parte a gennaio a Miami, dove nel programma della Bacardi Invitational Winter Series (25 gennaio – 30 gennaio) sono state inserite le prime regate della 69F Cup (Grand Prix 1.1), si continua con l’evento 1.2 del Grand Prix e il 4 febbraio si dà inizio all’ACT 1 della Youth Foiling Gold Cup (4-10 febbraio).
Il circuito proseguirà a marzo con l’iconica Bacardi Invitational Regatta e toccherà in primavera le più importanti “sailing venue” del continenete americano.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here