SHARE
L'area della Nova Bocana del porto di Barcellona, con l'Hotel W Barcelona. Foto Barcelona City Council

Barcellona– La 37th America’s Cup si svolgerà quindi a Barcellona? Il media catalano Cronica Global ha pubblicato l’anticipazione che Emirates Team New Zealand avrebbe ormai deciso di assegnare a Barcellona l’organizzazione della 37th AC e che esiste già un patto verbale tra le parti. In merito si attende un annuncio ufficiale nella stessa Barcellona entro la scadenza fissata del 31 marzo prossimo.
La voce trova riscontro lunedì 28 marzo nella stessa La Vanguardia, il principale quotidiano di Barcellona, che pubblica un articolo che conferma la notizia, e specifica che si attende solo l’annuncio da parte del defender.
La Vanguardia dettaglia che il consigliere del dipartimento d’impresa e lavoro Roger Torrent ha confermato la scelta di Barcellona in un’intervista a Catalunya Radio e che un annuncio “è atteso nelle prossime ore”.

La scelta di Barcellona trova conferme anche in ambienti interni ai team di Coppa, anche se per ora ETNZ non ha ufficializzato nulla. Secondo quanto risulta a Fare Vela Barcellona avrebbe superato la selezione soprattutto per le infrastrutture in parte già esistenti e per il richiamo internazionale della capitale catalana.

L’area della Nova Bocana del porto di Barcellona, con l’Hotel W Barcelona. Foto Barcelona City Council

La cifra di 70 milioni di euro messa sul piatto da un consorzio formato dalla Generalitat Catalana (il Governo Regionale), la Diputaciòn, la Fira, l’autorità portuaria e la città (il cui sindaco è Ada Colau) godrebbe dell’appoggio del PSC, il partito socialista catalano che ha stretti legami con il PSOE, il partito a cui fa capo il Presidente del Gobierno centrale Pedro Sànchez. Tale somma è stata raggiunta da contributi della Generalitat e degli enti citati, a cui si sono aggiunti un gruppo di investitori privati radunati attorno al gruppo Puig e a Barcelona Global, entità locale atta a promuovere eventi internazionali a Barcellona.

Jeddah, pur con una notevole somma messa sul tavolo dai sauditi, non avrebbe goduto del favore di alcuni team, tra cui anche il challenger of record INEOS Britannia che hanno manifestato dubbi sull’opportunità di svolgere il più antico trofeo sportivo del mondo in un paese sotto sorveglianza per i diritti umani come l’Arabia Saudita.
Màlaga aveva trovato i 75 milioni di euro richiesti da ETNZ ma aveva delle infrastrutture ancora da realizzare, cosa che invece Barcellona dovrà allestire utilizzando spazi già esistenti nell’area della nuova bocca nord del porto catalano (Nova Bocana) e del Port Vell.
Cork, la città irlandese che si era candidata ormai da tempo, avrebbe pagato il clima e infrastrutture ancora da definire.

In particolare l’Autorità Portuaria di Barcellona metterebbe a disposizione spazi e terreni situati nella Nova Bocana, dove tra l’altro si trova anche lo scenografico Hotel W Barcelona. Sarebbe poi utilizzato il Port Vell per allestire il Villaggio AC.
Tali aree sono state già utilizzate in passato per le tappe dell’Audi Med Cup dei Tp52 e della Barcelona World Race.

Il Porto di Barcellona, zona nord, con le aree interessate

Il consorzio di Barcellona sarebbe riuscito nell’impresa grazie ai dati finanziari estremamente convincenti dell’edizione numero 32 a Valencia 2007, quando la splendida America’s Cup valenciana, conclusa ricordiamo con la vittoria di Alinghi su ETNZ per 5-2 e con Luna Rossa finalista di Louis Vuitton Cup, generò un impatto economico di 2.767,9 milioni di euro e 73.000 posti di lavoro, secondo l’Instituto Valenciano de Investigaciones Económicas.

Ricordiamo che oltre al defender Emirates Team New Zealand sono per ora iscritti alla 37th AC i quattro poderosi sfidanti Luna Rossa, INEOS Britannia, Alinghi e American Magic.
Se confermata, la notizia porterebbe alla terza edizione dell’America’s Cup in terra e mare di Spagna, dopo quelle di Valencia 2007 (numero 32) e 2010 (numero 33). Barcellona sarebbe anche la prima città sede di un’Olimpiade (quella del 1992) a ospiutare l’America’s Cup.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here