SHARE

Porto Rotondo- Domenica 5 giugno si è conclusa l’edizione 2022 della Solaris Cup, manifestazione organizzata dallo Yacht Club Porto Rotondo, in collaborazione con la Solaris Yachts. All’evento hanno partecipato 60 imbarcazioni tra i 12 e i 25 metri di lunghezza, giunte in Sardegna da molti paesi, tra cui Malta, Germania, Svizzera, Austria, Polonia, Irlanda, U.S.A., Gran Bretagna, Spagna e Cile.
Ai 51 Solaris, quest’anno si sono aggiunti i 9 C.N.B. Yacht Builders, da poco entrati nella grande famiglia dei Solaris Yachts. L’ormai consueto raduno annuale dei Solaris Days, organizzato dal Cantiere Solaris, ha visto le prime tre giornate dedicate agli armatori affezionati e a quelli nuovi – in numero sempre maggiore – con le uscite di prova in mare in assetto da crociera e da regata.

Le ultime due giornate hanno coinvolto l’imponente flotta di imbarcazioni in due regate, che, alla fine, hanno assegnato il titolo overall in compensato a Unica, il 42 piedi maltese di Jamie Sammut, che, per la quarta volta, ha conquistato il successo nella Solaris Cup.

Sabato 4 giugno, alle 12,30, è stato dato lo start per la prima delle due prove in programma. Il percorso, di circa 19 miglia, prevedeva prima il giro di una boa offset al vento, a circa un miglio di distanza e, in seguito, il passaggio tra le isole di Mortorio, Mortoriotto e Soffi. Il vento molto leggero, da sud-est, sui 7/9 nodi, ha favorito lo svolgimento della regata in maniera molto tranquilla, permettendo a tutti gli equipaggi di unire l’aspetto agonistico a quello più prettamente crocieristico.

Domenica invece il Comitato di Regata, guidato in maniera impeccabile dal Presidente, Gianluca Brambati, ha dovuto faticare non poco per posizionare una linea di partenza perfetta, in quanto il vento, molto leggero, continuava a cambiare direzione. Tuttavia, dopo quattro tentativi falliti, finalmente è entrata una leggera brezza da ovest-nord ovest, sui 12 nodi, dando la possibilità alle barche di partire.
Non appena sono state scapolate le isole di Soffi e Camize, in prossimità delle Isole Poveri, il vento è inizialmente calato, per poi rinfrescare fino a 13/15 nodi. Il vento fresco ha contribuito ancora una volta a evidenziare le qualità tecniche di queste imbarcazioni, valorizzandone le prestazioni e le capacità di adattamento nelle diverse andature, con le più diverse condizioni meteo-marine.

Il Solaris 42 maltese – già vincitore di altre tre edizioni, sempre nelle acque di Porto Rotondo – ha sottratto qualsiasi speranza di vincita agli altri due, che hanno cercato di contendergli il podio, e cioè, Stefano Pozzi, al timone del Solaris 50, Paola 3, e Mistral Gagnant, dell’armatore Marco Ferrero, vincitore della passata edizione.

A sbaragliare tutti nella CNB Rendez-Vous ci ha pensato Sona, di Ronan Harris. Gli altri due gradini del podio sono stati conquistati rispettivamente da Nina, di Milan Marcovic al secondo posto, e Zampa, di Jaques Le Barazer De Kermouan al terzo.

L’ambito Trofeo IWC in tempo reale se lo è aggiudicato il Solaris 72’ Cefea, di Ferd Robert Feidt Goeres.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here