SHARE

Porto Ercole– Bel fine settimana di vela organizzato dal Circolo Nautico e della Vela Argentario. Sabato 21 gennaio è ripreso il Campionato Invernale, i venti da nord hanno caratterizzato queste due giornate di vela. Al briefing mattutino tenutosi all’interno della Club House del CNVA veniva comunicato il percorso della giornata e veniva presentato lo sponsor “Poseidon Capital” dei fratelli Edoardo e Emanuele Giannini.
Altro sponsor dell’evento l’hotel A Point di Porto Ercole rappresentato dal Dottor Alfonso Mastropietro.

Il briefing si concludeva con la consueta estrazione del Garmin GPS MAP 86i che questa volta è andato a Leonardo Petti armatore del J109 Chestress.

Usciti in acqua, un forte vento gelido proveniente da nord con 18-20 nodi di intensità, dava il benvenuto agli equipaggi delle 38 barche iscritte.
Alle ore 11:00 esposizione del segnale d’Avviso e alle 11:05 partenza. Un percorso di 20.9 nm costruito tra il golfo della Feniglia, Isola Rossa e Formiche di Burano.
Line honour dopo due ore e ventinove minuti per Durlindana 3, il Carroll Marine 60 di Giancarlo Gianni.
In tempo compensato in Classe IRC Sventola il Bavaria 38 di Massimo Salusti aveva la meglio su Galahad il Cutter Bermudiano di Gerhard Niebauer e terza posizione per Amapola II, il Sun Odyssey 49 di Gherardo Maviglia del Centro Roma Vela Anemos.

In tempo compensato in Classe ORC prima posizione per Galahad, seguito da Vulcano 2 il First 34.7 di Giuseppe Morani, terza posizione per Kaster l’Eryd 32 di Andrea Castrucci.

Al rientro in banchina pasta party organizzato dal Bi Bar 2.0 sapientemente preparato dallo chef Pasquale.
La giornata si concludeva nei locali del Circolo con la presentazione dell’accordo di collaborazione tra la dirigente scolastica degli Istituti Superiori dei comuni di Monte Argentario e Orbetello, Dottoressa Luisa Filippini ed il CNVA, nella persona del vicepresidente Dottor Maurizio Belloni, l’impegno del Circolo è quello di diffondere agli studenti l’arte marinaresca e la conoscenza dello sport della vela.
A seguire l’Ingegnere Gennaro Aveta, stazzatore ORC International e responsabile del centro di calcolo Altura ORC ha illustrato le novità 2023 del “mondo” ORC.

Domenica mattina briefing alle ore nove con spiegazione da parte del CdR, presieduto da Maurizio Giannelli, del percorso scelto. A seguire Mauro Maccanti, in rappresentanza di Ubi Maior Italia, ha distribuito attrezzature tecniche a tutti gli armatori. A Maurizio Corati armatore del Solaris 55 Angela andava l’estrazione del Garmin GPSMAP 86i.

Giornata più mite rispetto al giorno precedente, vento sempre da nord ma intensità calata a 10-12 nodi. Il percorso prevedeva, dopo il passaggio della boa al vento, il giro dell’Argentario fino allo scoglio dell’Argentarola con un primo traguardo ed il rientro a Cala Galera con il secondo traguardo.

La prima frazione di percorso di 11,1nm, in tempo compensato in Classe IRC, veniva vinta da Javal2 il GS 43 di Filiberto Gioia, seguito a soli dieci secondi di distanza da Kaster, terza posizione per Durlindana 3.

In tempo compensato in Classe ORC prima posizione per Kaster seguito da Javal2 e terza posizione per Luduan 2.0 il GS 48 di Enrico De Crescenzo.
Nel proseguo della regata il vento è andato a calare e solo 15 imbarcazioni sono riuscite ad arrivare entro il tempo massimo al secondo traguardo, nell’ultimo tratto di percorso dalla boa di Porto Ercole alla boa di arrivo di Cala Galera, dieci imbarcazioni hanno visto levarsi davanti la linea di arrivo e non sono riuscite a completare il percorso.

La classifica della sesta prova dopo 21.3 nm vedeva in Classe IRC la prima posizione per Vulcano2 seguito da Kaster e terza posizione per Javal2.
In Classe ORC primo Kaster secondo Javal2 e terzo Vulcano2.

Prossimo appuntamento il 18-19 febbraio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here